Adattamento e regia
Emanuele Santoro

Voci recitanti
Emanuele Santoro
Roberto Albin

Dopo il grande successo di pubblico e critica riscosso con La Panne, presentato nelle scorse stagioni, Emanuele Santoro torna a Dürrenmatt con un recital che si compone di due titoli: Colloquio notturno con un uomo disprezzato, dai radiodrammi e Il tunnel, tratto dai racconti. Nel primo, l'autore svizzero tratta ancora, come ne La panne ma in forma diversa, temi immortali come giustizia, potere e verità, e lo fa in maniera magistrale, in un dialogo, tra uno scrittore e un boia, intorno al demone del potere tiranno che uccide i corpi degli uomini innocenti senza però poterne soffocare lo spirito o cancellarne la traccia intellettuale e morale. Nel secondo, Il tunnel troviamo un giovane studente alle prese con un viaggio in treno che presto assume i tratti di un incubo ad occhi aperti. Il terrore irrompe nella vita del giovane, senza preavviso. L'autore sembra voler fare un commento sociale sull'ignoranza della società dinanzi all'imminente disastro, e come la gente abbia incondizionata fiducia in chi li guida (e governa) senza che avere la minima idea di dove li stiano conducendo.  Un radiodramma a teatro, un recital, una forma di teatro, con la sola voce protagonista assoluta, che lo spettatore ha dimostrato di apprezzare particolarmente. Protagonisti saranno lo stesso Emanuele Santoro e Roberto Albin.

La critica
"Nessuna scenografia, solo la musica (eseguita da Roberto Albin), il potere evocativo del racconto, e la capacità recitativa dei due attori: sono questi gli ingredienti di un recital tanto semplice quanto d'effetto e vincente." (L'osservatore, 10.11.2019)






Omaggio a Dürrenmatt
Recital da
Colloquio notturno con un uomo disprezzato
e Il tunnel
di Friedrich Dürrenmatt

e.s.teatro
"Finora ho combattuto con le armi che son degne di un uomo, con le armi dello spirito: ero un Don Chisciotte che muoveva con una prosa corretta contro una belva malvagia."